22/02/2021 VICENZA – Nonostante il calo drastico del turismo nel 2020, Vicenza è quella tra le città d’arte in regione a perdere meno. || Tra le città d’arte del Veneto, nonostante la generale sofferenza del settore turistico, Vicenza è la destinazione che nel 2020 perde di meno. A dirlo, i dati dell’Ufficio statistica regionale che rilevano per Vicenza e Padova il – 57% di presenze, per Treviso il – 62%, per  Verona il – 68,5% e a Venezia il – 72,5%. Un lieve segnale di speranza, che per il capoluogo berico è motivato dal turismo business, ridimensionato si, ma non così nettamente come quello legato alla classica vacanza, l’analisi dell’assessore comunale al turismo Silvio Giovine, che rileva, come punto di forza e di tenuta, anche la tenacia dimostrata dai commercianti della città. Dati alla mano: nel 2020 ci sono state meno chiusure di negozi rispetto al 2019. 155 le chiusure di esercizi di vicinato e di medie o grandi strutture nel 2020, rispetto alle 172 chiusure del 2019. Le aperture invece sono state 162 rispetto alle 183 del 2019. “Una tenuta – precisa l’assessore – che è frutto della tenacia e dei sacrifici che stanno facendo i nostri commercianti a fronte di una situazione disastrosa che richiede immediati ed efficaci indennizzi”. – Intervistati SILVIO GIOVINE (Assessore Comunale Turismo) (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(AYi5DcFVxQM)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria