02/03/2021 VICENZA – Risalgono i contagi nell’Ulss 8 con pazienti anche gravi ricoverati direttamente in terapia intensiva. E la variante inglese adesso fa tremare || Covid la terza ondata preme alle porte anche del territorio vicentino. Il liberi tutti dei giorni scorsi e il ritorno ad alzarsi, seppure lentamente della curva pandemica, sta allarmando i sanitari. I primi riscontri negativi di questa ritrovata libertà sono immediatamente visibili nei freddi numeri « Noi abbiamo ogni giorno – spiega Salvatore Barra Direttore sanitario dell’Ulss 8 Berica – quei 4-5 ricoveri Covid e in più qualche paziente anche in terapia intensiva anzi ci sono pazienti che vanno direttamente in terapia intensiva un che non avevamo visto così nelle precedenti ondate ma che sembra caratterizzare questa tera ondata» . Sullo sfondo di questa terza ondata ci sono le varianti del virus e quella inglese ha fatto la sua comparsa anche sul territorio vicentino da capire però ancora quanto massicciamente. Le strutture sanitarie hanno ripreso la loro normale attività ma tutto è pronto a richiudersi con il sistema modulare. Intanto si lavora per smaltire le liste d’attesa. 3.300 le presentazioni non effettuate al momento della ripartenza, 1800 quelle già recuperate ne restano ancora 1.500 ma per esaurirle si è pronti a mettere in campo anche attività eccezionali. – Intervistati SALVATORE BARRA (Direttore Sanitario Ulss 8 Berica) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(roj3JYP5xqk)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria