04/03/2021 ALTOPIANO – Il consorzio che tutela l’Asiago Dop guarda lontano e consolida le relazioni con la Cina || È entrato in vigore il primo di marzo l’accordo bilaterale fra Cina e Unione Europea sui prodotti di eccellenza geografica, che prevede la mutua protezione di 100 dop e Igp europee e altrettante provenienti dalla Cina: dall’Italia arrivano addirittura 26 prodotti a denominazione, e l’Altopiano dei Sette Comuni può fregiarsi di una gemma di prima grandezza in questo scrigno di meraviglie note in tutto il mondo. Nella lista, assieme al grana padano, al prosecco e al Soave, è stato inserito anche l’Asiago Dop. Il consorzio che tutela il prodotto ha riconosciuto nella Cina uno dei mercati di sviluppo già nel 2011 e pochi anni dopo sono stati varati provvedimenti per promuovere sempre più il formaggio di questo angolo di Veneto. Nel 2020 l’attività consortile si è rafforzata con controlli diretti nei punti vendita cinesi e su siti di e-commerce dove venivano venduti prodotti americani che utilizzavano impropriamente la dicitura Asiago. Tutto questo va visto nella prospettiva di un mercato cinese che ha visto aumentare del 12,5 per cento l’importazione di prodotti caseari. La dop sarà presente a un evento che si terrà in Cina a maggio, nel quale verranno ulteriormente promossi i prodotti a indicazione geografica. Un bel modo per portare dall’altra parte del mondo i profumi e le tradizioni dell’Altopiano. – Intervistati FIORENZO RIGONI (Presidente Consorzio Tutela Asiago Dop) (Servizio di Ferdinando Garavello)


videoid(AMqG-3LR8Nw)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria