19/03/2021 BASSANO DEL GRAPPA – La polizia provinciale ha sorpreso un bracconiere a Valrovina: in casa aveva esemplari di fauna superprotetta || Caccia in periodo di chiusura, armi modificate, abbattimenti illegali, uccelli superprotetti: non si faceva mancara proprio nulla un cinquantenne bassanese finito a sua volta nel mirino della polizia provinciale, che nell’ambito di una maxioperazione antibracconaggio lo ha sorpreso nella zona di Valrovina mentre cacciava con il favore della luna piena. L’attività venatoria era svolta in periodo di chiusura della caccia, con un fucile minuto di silenziatore e visore notturno: entrambi sono vietati dalla legge. In casa gli agenti gli hanno trovato armi non correttamente custodite oltre a due celle frigorifere piene di carne appartenente a caprioli, cervi, camosci e cinghiali abbattuti e detenuti illegalmente. Durante la perquisizione sono stati sequestrati anche un gufo comune impallinato, altri uccelli impagliati appartenenti a varie specie particolarmente protette come il picchio nero, il picchio verde, il re di quaglie, il beccofrosone e l’upupa, oltre a tagliole, trappole e reti da uccellagione. (Servizio di Ferdinando Garavello)


videoid(cUu3u1ewAn4)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria