SAN GIORGIO DELLE PERTICHE – Chiude lunedì la fiera di Arsego di San Giorgio delle Pertiche, tra le poche ad essere sopravvissute al coronavirus. Tutto esaurito per il luna park, norme anticontagio per le bancarelle. || Dai sei giorni classici si è autodimezzata a tre ma è sopravvissuta al coronavirus l’antica fiera di Arsego. Un lavoro organizzativo e di sicurezza partito durante l’estate che già era riuscito ad anticipare alcune norme del recente decreto del governo di ottobre. Fame di lavoro per gli attrazionisti che hanno riempito tutto lo spazio destinato a luna park. Più di duecento gli espositori. Una fiera sorvegliata tecnologicamente dalla centrale operativa allestita negli spazi della scuola elementare dove vengono contate le persone che entrano dai nove varchi di accesso e la situazione viene monitorata grazie all’uso dei droni. – Intervistati STEFANIA PIERAZZO (Presidente Fiera di Arsego) (A cura di: Chiara Gaiani)


videoid(2QCR5bqyeng)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria