31/03/2021 VICENZA – Un presidio di genitori sotto la Prefettura. Chiedono il ritorno a scuola in presenza. || Un presidio di genitori sotto la Prefettura. Chiedono l’immediata conclusione della didattica a distanza e il ritorno a scuola in presenza. Il portavoce Paolo Arcaro del gruppo “scuola in presenza” – Vicenza in occasione del varo del nuovo DCPM, DICHIARA«Ancora una volta vengono messe in discussione le sorti della scuola. Ancora una volta si decide del futuro dei nostri figli. Infine, ancora una volta noi genitori ci sentiamo in dovere di difendere i diritti e la salute psicofisica dei nostri figli di qualsiasi età, dai bambini del nido agli adolescenti delle superiori.Il TAR del Lazio ha chiaramente affermato che il governo deve cambiare rotta, che la DAD non può essere un sostituto della scuola in presenza, se non per brevi periPertanto, la RETE NAZIONALE SCUOLA IN PRESENZA promuoverà dei presidi davanti alle Prefetture o ad altri luoghi simbolo per sottolineare, ancora una volta, che la SCUOLA DEVE E PUO’ ESSERE SOLO IN PRESENZA perché solo una SCUOLA IN PRESENZA può garantire lo sviluppo sano ed armonico per i nostri ragazzi, che ricordiamolo, sono il futuro della nostra comunità». Il gruppo dei genitori No Dad, continuerà a manifestare al mattino sotto la prefettura fino a sabato. Una mobilitazione nazionale che a Vicenza aveva esordito due domeniche fa. In piazza dei Signori era sceso al loro fianco anche il sindaco Francesco Rucco. – Intervistati PAOLO ARCARO (GRUPPO “SCUOLA IN PRESENZA” – VICENZA), FRANCESCO RUCCO (SINDACO DI VICENZA) (Servizio di Daniele Garbin)


videoid(r4t-lHAvoso)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria