31/03/2021 VENEZIA – Ieri in Veneto è stato toccato il picco massimo di vaccinazioni, ma c’è ancora un’autonomia di due giorni, poi terminano le dosi. || Tutti i colori del covid: la Pasqua è rossa, come il cielo quando il sole cade dietro l’orizzonte: tramontano le feste, anche quest’anno, schiacciate dalle clausure imposte dalla pandemia. Rosso il Veneto, rosso come il crepuscolo dell’alba: speranze, come profumi di una stagione nuova. Ci sono segni vaghi, segni incoraggianti: purtroppo la curva dei contagi continua a crescere ma meno velocemente dell’ultima ondata.I vaccini restano l’orizzonte più vicino, più nitido per uscire dalla nottata della pandemia. Il sistema regge, funziona, ma non può andare avanti senza essere alimentato da nuove dosi, e nei prossimi giorni i ritmo delle vaccinazioni è destinato a rallentare a causa dell’incognita delle forniture. – Intervistati MANUELA LANZARIN (Assessore alla Sanità della Regione Veneto) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(ShOvFpXbKys)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria