13/04/2021 ARZIGNANO – Non è legittima difesa. Torna in carcere il 18enne di Arzignano che ad agosto dell’anno scorso uccise il padre. || Raoul Singh ha colpito il padre con l’intenzione di ucciderlo e non per legittima difesa. Per il 18 enne di origini indiane di Arzignano si sono riaperte le porte del carcere. Ad arrestarlo nella serata di lunedì i carabinieri di Valdagno. Era il 19 agosto del 2020 quando nell’abitazione della famiglia si è compiuta la tragedia tre coltellate all’addome per legittima difesa, aveva detto il giovane, supportato anche dalla testimonianza della madre. Un padre descritto come violento, alcolizzato ed anche quella sera aveva colpito il figlio provocando questa volta la sua reazione. Una ricostruzione che aveva convinto il tribunale del riesame di Venezia ad annullare la misura cautelare in carcere. Oggi però a smentire la difesa gli esiti investigativi, la madre non sarebbe stata in casa a dimostrarlo la geolocalizzazione del cellulare, sulla vittima non vi sono lesioni da difesa mentre sul figlio ci sono semplici abrasioni. (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(QJ8_XibQcyg)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria