14/04/2021 PEDEMONTANA – La mancanza di vaccini costringe l’ulss 7 a ridimensionale la campagna vaccinale. || Crollano le somministrazioni di vaccini nell’ulss 7. Dalle 3900 del 2 aprile alle 689 di ieri: 469 presso i centri vaccinali, 220 a domicilio. Tutta colpa della mancanza di vaccini che costringe l’azienda sanitaria a riprogrammare la campagna vaccinale. Una brusca frenata: stop alle vaccinazioni dei medici di medicina generale visto che manca Astrazeneca, riprenderanno forse dopo il 20 ma tutto dipenderà dalle forniture di Vaccini. Intanto si punta a chiudere entro domenica la fascia degli over 80 sono circa 3500 quelli che non sono ancora stati vaccinati, circa il 15%. Per loro sarà utilizzato il Pfizer.Gli over 80 saranno contattati dall’ulss, ma c’è anche la possibilità per loro di prenotare la vaccinazione sul portale regionale oppure di recarsi direttamente presso le sedi vaccinali: venerdì pomeriggio a Roana, sabato e domenica dalle 14 alle 20 al Palangarano o presso il lanificio Conte di Schio. Buon notizie invece sul fronte contagi: cala il numero dei nuovi positivi, e scende anche la pressione sugli ospedali. – Intervistati CARLO BRAMEZZA (Direttore Generale Ulss 7), LIVIANO VIANELLO (Direttore Servizio Prevenzione Ulss 7), ANTONIO DI CAPRIO (Direttore Sanitario Ulss 7) (Servizio di Monica Smiderle)


videoid(qeuDJo-XLxk)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria