18/04/2021 VICENZA – La pandemia nell’Ulss 8 Berica. Ricoveri in calo, scesa la pressione nei reparti intanto si procede nella vaccinazione. La volontà è di non lasciare nessuno indietro. || I numeri in tema di contagio sono confortanti il Covid sembra allentare la sua pressione sulle strutture sanitarie dell’Ulss 8 Berica. Molto ha contribuito anche la vaccinazione che ha coperto tutto il personale sanitario, le case di riposo per anziani, diventate queste ultime ad inizio pandemia dei veri e propri focolai. Oggi la vaccinazione vede completare la corte degli over 80 e ad esser a buon punto con gli over 70 nonostante l’arrivo a singhiozzio dei vaccini « Nella nostra Ulss – spiega Salvatore Barra direttore sanitario Ulss 8 Berica – abbiamo dato la priorità alla classe dai 70 ai 79 anni è già prenotato più del 50% terminata questa poi aggrediremo quella trai i 60 e 69 anni cper altro la più corposa». Parliamo di circa 81 mila persone. Poi via via fino al 2 giugno sarà la volta della corte degli over 40 74mila soggetti, degli over 30 altri 54 mila fino agli over 20 circa 51 mila. Obiettivo raggiungibile con l’arrivo, si confida costante, di vaccini. Intanto tra sabato e domenica sono stati vaccinati gli operatori sanitari privati e quelli convenzionati che per un motivo o l’altro hanno perso la data vaccinale circa 1.160 complessivamente. Non lasciare nessuno indietro è il mantra dell’Ulss 8 « la volontà è quella di riuscire a coprire tutti – aggiunge Maria Giuseppina Bonavina Direttore generale dell’Ulss 8 Berica – per tanto chi dovesse non essere stato raggiunto o non essere riuscito a prenotarsi può sempre chiamare il suo medico di base, il Cup dell’Ulss o anche mandare una mail» – Intervistati SALVATORE BARRA (Direttore sanitario Ulss 8 Berica), MARIA GIUSEPPINA BONAVINA (Direttore generale Ulss 8 Berica) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(NR6KCVPaUcQ)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria