02/05/2021 ROSA’ – In piazza a Rosà, nonostante la pandemia, edizione numero 35 del concorso per l’Asparago Bianco di Bassano. || Il Covid non ferma l’asparago, un prodotto che rappresenta un intero territorio, e così l’amministrazione di Rosà, dopo aver saltato l’edizione del 2020, organizza la Mostra Concorso dell’Asparago Bianco di Bassano DOP, e festeggia l’edizione numero 35 con la partecipazione di ben 20 aziende produttrici. Un evento che per mantenere la sicurezza ha limitato la presenza ai produttori, ma non mancheranno presto le occasioni per incontrare anche i cittadini del territorio. Una festa che è anche il giusto riconoscimento ai produttori, ai loro sacrifici, e una promozione al prodotto simbolo del territorio.Nella piazzetta delle Acque sono sfilati i venti produttori che hanno partecipato all’evento, tutti uniti nella volontà di fare promozione dell’asparago e del territorio. Il primo premio è andato a Luisa Parolin di Cassola, secondo posto per Bruno Comunello di Rosà e terzo per Domenico Ferraro, sempre di Rosà. Una festa voluta con determinazione, nonstante la pandemia, lo slogan è promozione.In questi giorni ottimi riscontri arrivano dalla vendita a dettaglio, con la riscoperta delle ricette e della cucina a casa. E la qualità, quest’anno, è particolarmente alta. – Intervistati PAOLO BORDIGNON (Sindaco di Rosà), BRUNO COMUNELLO (Produttore, secondo classificato), PAOLO BROTTO (Presidente Consorzio di Tutela Asparago Bianco di Bassano), CARLO GRANDESSO (Ispettore Qualità Consorzio di Tutela Asparago Bianco) (Servizio di Federico Fusetti)


videoid(9uXaQ4eYUww)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria