21/05/2021 VICENZA – Quartiere San PioX a Vicenza tra immigrazione e necessità di rimmettere un po’ di ordine. Il racconto dei residenti || Quartiere san Pio X a Vicenza un reticolo di strade, case e palazzi. Un tempo, molto in là prima degli anni ’50 erano campi ed è proprio in quegli anni che si inizia a costruire ed oggi c’è un San Pio Decimo vecchio con via Tornieri via Marasca, via Volpato e uno nuovo cresciuto come i funghi negli anni ’80 con le vie con nomi di pittori. A fare da spartiacque, pardon quartiere, è la strada che porta a Padova. Come le case e i palazzi sono cresciute con il tempo, il progresso economico e sociale anche le problematiche e a raccontarcelo sono proprio i residenti come la signora Francesca che San Pio X l’ha visto cambiare e che vive nella cosiddetta parte vecchia « troppi extracomunitari – dice – mi sento poco sicura e la sera preferisco chiudermi dentro». Una quartiere multietnico, pakistani albanesi ma non solo. Modi di vivere diversi abitudini e culture diverse in una coesistenza non sempre facile. La incalza il signor Silva Antonio che mette sul piatto delle cose che non vanno e su cui chi di dovere dovrebbe lavorare, altre problematiche «la necessità di mettere un po’ ordine nel quartiere, più segnaletica un maggior presidio delle forze dell’ordine e troppa troppa sporcizia» Una questione di educazione visto che la ricicleria è a 200 metri per non parlare dei giovani che sbevazzano e lasciano lattine e bottiglie in giro. Dalla sicurezza alla vivibilità il nostro viaggio nel quartiere San Pio X e le sue problematiche è solo all’inizio – Intervistati SILVA ANTONIO MAGARAGGIA (Residente quartiere San Pio X) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(LDkluncWQzU)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria