28/05/2021 PEDEMONTANA – Le province di Vicenza e Treviso finalmente collegate da un’autostrada che proietta l’economia in un futuro tutto da scrivere. Dal casello di bassano Ovest ora si può guidare senza interruzioni fino a Montebelluna. || E’ un commento anche emotivo ed estetico quello che fa il presidente del Veneto sui 35 km di Pedemontana veneta aperti oggi tra Bassano Ovest e Montebelluna. Finalmente questa arteria attraversa e collega le province di Vicenza e Treviso, abbatte i tempi, riduce i costi per il trasporto delle merci, migliora i dati dell’inquinamento. A Bassano si danno appuntamento sindaci, consiglieri regionali, imprenditori, che hanno creduto in questa superstrada insieme a Zaia. E l’efficienza è anche nell’organizzazione della cerimonia. Obbligo di presentarsi con il referto di un tampone, altrimenti l’Ulss 7 lo effettua al momento. Solo dopo si entra nella zona protetta dell’inaugrazione.La Pedemontana migliorerà la vita di chi la attraverserà, ne è convinto anche il viceministro Morelli.A beneficiare della Pedemontana saranno sporattutto gli imprenditori del territorio, ma anche i sindaci, che del territorio sono i primi rappresentanti. E molti erano quelli presenti all’inaugurazione di questo tratto di un’opera che interessa quasi 40 comuni.Una strada, sottolinea il presidente Liuca Zaia, nata grazie all’impegno di chi tutti i giorni, con caldo, freddo, pioggia o sole ha portato avanti l’opera. E grazie ai voti del Consiglio Regionale, tanto che il Governatore fa salire sul palco i consiglieri, per un applauso collettivo, rivelando la prossima priorità.infine, la benedizione del casello e il taglio del nastro, quindi l’apertura ufficiale della strada, con i primi ingressi al casello di bassano alle 15.04 di venerdì. – Intervistati ALESSANDRO MORELLI (Viceministro Infrastrutture e Trasporti), ERIKA STEFANI (Ministro per le Disabilità), LUCA ZAIA (PRESIDENTE REGIONE VENETO) (Servizio di Federico Fusetti)


videoid(HdGOdoOL1J0)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria