01/07/2021 VICENZA – Processo Pfas. Fuori da palazzo di Giustizia a Vicenza anche le mamme del comitato “Mamme NoPfas” || Lo avevano promesso e il primo luglio giornata della prima udienza al processo per l’inquinamento da Pfas c’erano anche loro , le mamme del comitato “Mamme No Pfas”. Comitato tra i più attivi e combattivi che ha portato la questione anche in Europa, parte civile al processo e che, in questa giornata, ha voluto far sentire il suo sostengo. Un processo che potrebbe fare da apripista «siamo collegata ad una vasta rete di associazioni e comitati ambientalisti – racconta Emanuela Foletto del Comitato “Mamme No Pfas” – facciamo rete anche con “Mamme da Nord a Sud” che lottano contro tutti questi tipi di problemi ambientali. Speriamo che questo processo possa essere un segnale e magari arrivare ad una soluzione di tanti problemi»Oggi a preoccupare il comitato è il passaggio della produzione della Miteni alla Solvey in Piemonte che a sua volta ha chiesto l’ampliamento degli scarichi «il rischio che ci sia inquinamento da Pfas è alto -spiega un’altra mamma del comitato “Mamme No Pfas” Laura Ghiotto – un’ inquinamento di falde e fiumi che potrebbero ricadere ancora una volta in Veneto» – Intervistati EMANUELA FOLETTO (Comitato “Mamme NO Pfas”), LAURA GHIOTTO (Comitato “Mamme No Pfas”) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(YsHdK23NvpU)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria