06/07/2021 VICENZA – Dalla Movida in centro storico agli angoli più nascosti di Vicenza. Esplode il caso contrà Barche || Non di solo movida si deve preoccupare Vicenza perché l’esasperazione dei residenti esplode anche in contrà barche dove da qualche giorno è comparsa una catena che chiude un tratto di porticato di un palazzo nella piccola piazzetta di vicolo cieco Retrone. Vietato sedersi per un qualsiasi motivo si legge sui cartelli perché li alla sera si siedono gruppi di ragazzi che fumano droga raccontano i residenti. La situazione a dire il vero sta andando avanti da diverso tempo, tra l’altro poco lontano, di la della passerella ciclopedonale c’è il parcheggio “le barche” diventato luogo di spaccio. La comparsa della catena è la soluzione tampone trovata dai residenti. Una tentativo una prova per cercare di arginare il fenomeno fatto non solo di fumo ma anche schiamazzi e bevute con quello che poi resta per terra. Prova al momento a quanto pare dai risultati incerti. A questo si è aggiunta anche la paura della movida a numero chiuso di contrà pescherie vecchie che ha fatto si che tanti gruppi di giovani si spostassero in zona. Solo di venerdì scorso, ci racconta una residente, c’è stato un inseguimento per la via di un gruppetto di giovani che cercavano di picchiarne un altro rifugiatosi poi nel bar. Sono ragazzetti tra i 14,18 e 20 anni che sciamano in città forti dell’appartenenza ad un gruppo e non manca anche chi ne approfitta per tentare il furto di una bicicletta, tanto che la proprietaria ha lasciato anche un biglietto (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(Xa_Qsq1MfpQ)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria