13/07/2021 VICENZA – La crisi delle discoteche. Nessuna data ufficiale per la riapertura, mentre l’abusivismo imperversa. || I festeggiamenti senza regole da nord a sud d’Italia per la vittoria degli Azzurri agli europei di Calcio sono l’ultima goccia di un vaso già colmo per i professionisti e le imprese del mondo della notte. Le discoteche, chiuse dal 23 febbraio 2020, sono le uniche attività economiche non ancora autorizzata a ripartire. Quasi giunti a metà della stagione estiva imperversano invece i party abusivi, si balla nelle spiagge e negli hotel senza rispetto dei distanziamenti e dell’uso della mascherina. A Roma il Codacons ha deciso di presentare al Prefetto una istanza per mettere fine all’illegalità in attesa di un segnale dal Governo.Gli indici di contagio in ripresa, l’imperversare della variante Delta, sono i deterrenti attuali che inducono il Governo a indugiare sul comunicare una data certa per le riaperture. Le discoteche invece, ritenute tra gli ambienti che favoriscono la proliferazione del virus, chiedono però di non essere più l’unico settore penalizzato. – Intervistati FABIO FACCHINI (SILB – SINDACATO LOCALI DA BALLO – VICENZA) (Servizio di Daniele Garbin)


videoid(j8liJjVnciM)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria