17/07/2021 SCHIO – L’omicidio in Perù della missionaria laica di Schio Nadia De Munari: ieri la svolta nelle indagini, con quattro persone arrestate: tre donne e un uomo. Oggi la notizia che le tre donne sarebbero state scarcerate. || Un omicidio sconvolgente. Aggredita e uccisa nella notte tra il 20 ed il 21 aprile nella comunità dove era direttrice di 6 scuole d’infanzia come volontaria per l’operazione Mato Grosso. A tre mesi dall’assassinio di Nadia De Munari, la missionaria laica di Schio, quattro persone ieri sono state arrestate: una svolta nelle indagini che oggi segna un nuovo colpo di scena. I magistrati peruviani, a quanto pare, avrebbero scarcerato tre donne fermate per l’omicidio trattenendo solo un ragazzo 24enne che avrebbe confessato il delitto. L’arma usata per il brutale assassinio non sarebbe stato un machete, come ipotizzato in un primo tempo, ma un martello che il giovane aveva con se’. Nadia De Munari era morta il 24 aprile scorso, in ospedale a Lima, dopo tre giorni di agonia, in seguito alle ferite riportate. Una brutta vicenda, ancora più sconvolgente per la futilità dei motivi che l’avrebbero causata: il furto di alcuni telefoni cellulari. L’intera comunità sclendense aveva tributato l’ultimo saluto a Nadia De Munari a maggio, nel palazzetto dello Sport “Livio Romare”, rendendo omaggio alla missionaria che aveva dedicato la sua vita ai bambini dall’altra parte del mondo. (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(HatLzKOVQ0U)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria