11/08/2021 VICENZA – Portici di Monte Berico. Il comune a caccia di fondi per la loro riqualificazione in vista dei 600 anni dalla prima apparizione della Beata Vergine || Portici di Monte Berico primo tassello verso una loro riqualificazione. Licenziato dalla giunta comunale il progetto di fattibilità tecnica-economica per la tutela, conservazione, restauro, valorizzazione, fruizione e digitalizzazione degli storici portici. Un passo importante che consentirà all’amministrazione di partecipare al bando del Ministero della cultura che nel 2020 ha messo a disposizione 30 milioni e che scadrà a fine mese. L’operazione prevede un investimento complessivo di 1.250.000 euro di cui l’80 per cento pari ad un milioni finanziati tramite il bando del Ministero e il restante 20% , 250mila euro di cofinanziamento. Il tutto spiega il sindaco di Vicenza Francesco Rucco in vista delle celebrazione dei seicento anni dalla prima apparizione della Madonna a Monte Berico. Apparizione della Vergine Maria che avvenne per la prima volta il 7 marzo del 1426 e che rese la città del Palladio per sempre sua devota con la costruzione del Santuario e dei portici, viatico di penitenza prima di arrivare al suo cospetto. 700 metri di portici con 150 arcate che seguono l’andamento del pendio e 15 cappelle dedicate ciascuna ad un mistero della Vergine e il cui restauro consentirà di sistemare le infiltrazioni e di intervenire sugli intonaci e sulla pavimentazione. Un percorso quello avviato dall’amministrazione che va alla ricerca dei finanziamenti necessari su più fronti, compresi i fondi a disposizione dal 2022 per il turismo religioso. L’iter è partito e fra circa cinque anni la struttura organizzativa creata culminerà non solo con gli eventi religiosi, ma anche con la chiusura di interventi strutturali sui portici, sulle scalette e sul museo annesso alla Basilica. – Intervistati FRANCESCO RUCCO (Sindaco di Vicenza) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(7u7rjZwEezI)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria