21/08/2021 LONGARE – Tre furti nella notte in tre diverse aziende, accomunati però tutti da uno stesso obiettivo : la lavorazione dei metalli. || Attimi di terrore ieri sera al campo nomadi di via Diaz a Vicenza. Ore 22.30 Un’auto rallenta nei pressi del cancello carraio, uno degli occupanti della vettura lancia in fretta un oggetto in direzione dei camper parcheggiati ed esplode. Sono momenti concitati tra i presenti mentre l’auto degli attentatori sgommando fugge via ad alta velocità. Fortunatamente solo tanto spavento, perché l’ordigno era stato confezionato per fare solo un gran botto, ma non per provocare danni. Ad accertarlo i carabinieri subito intervenuti, che, dopo aver constatato che l’area fosse fuori pericolo senza aver provocato ne feriti ne danneggiamenti, si sono messi a raccogliere i frammenti residui della bomba artigianale per poterli analizzare. Si tratterebbe di un involucro di plastica, dove sarebbe stata immessa una modica quantità di polvere pirica. L’innesco invece è apparso più professionale. Una miccia accesa poco prima del lancio. Una ipotesi confermata dalle prime testimonianze raccolte che descrivono una piccola fiammata prima del botto vero e proprio. Insomma il gesto appare una pesante forma di intimidazione più che un attentato . Le indagini ora proseguono per cercare le motivazioni e i mandati. (Servizio di Daniele Garbin)


videoid(S6L-bfwCZJ8)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria