03/09/2021 VICENZA – L’accoglienza della famiglia di profughi Afghani a Vicenza. Il racconto del presidente della cooperativa “Pari Passo” che si occupa di loro || Prima la fuga su un C130 dell’aviazione italiana, poi la quarantena ed infine il viaggio in pullman attraverso l’Italia destinazione Vicenza. La famiglia, 11 persone più nuclei uniti da parentela, due bambine di 9 e 10 anni, alcune donne incinte, è arrivata all’una e mezza di notte stanca, stremata. Ad attenderli il personale della cooperativa “Pari Passo” che ha preparato loro un pasto caldo mostrato la casa e preparato i letti dove finalmente riposareAdesso sono giorni di pratiche burocratiche per il permesso di soggiorno, per il tesserino sanitario, di visite mediche di iscrizione a scuola e quant’altro. Fortissima la solidarietà da parte del territorio che già da subito si è fatta sentire inviando alla cooperativa materiale per la scuola piuttosto che capi d’abbigliamento e non mancano anche offerte di lavoro. – Intervistati FRANCESCO ZORDAN (Presidente cooperativa “Pari Passo”) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(u-WR_CFOf3I)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria