12/09/2021 VICENZA – Estate di successi per la cultura vicentina. Numeri da record per incassi ai musei e presenze turistiche. Risultato, secondo l’assessore Siotto, dovuto alla scelta di fare rete. || Estate 2021 Vicenza va oltre la rinascita dopo un anno e mezzo di pandemia. Un’estate per la città del palladio patrimonio dell’Unesco che racconta di boom di turisti e record di incassi per la rete museale della città. Un successo di cui andar fieri. Incassi record e visitatori da pre-pandemia il tutto frutto della scelta fatta dall’amministrazione di fare rete tra associazioni e mettendo in rete tutto il sistema museale. Un risultato che porta la città ad uscire al limbo di città piccola, di provincia dimostrando di essere in grado di produrre cultura e attrattiva turistica ambendo così in Veneto ad un ruolo di primo piano. Un’estate di sfide quella passata come aprire una mostra “Infernus” in Basilica, dedicata al sommo poeta, un successo non scontato visitata da moltissimi giovani che chiuderà i battenti la notte tra lunedì 13 e martedì 14 per celebrare l’anniversario della morte di Dante. Chiusa l’estate l’assessorato è già al lavoro per l’autunno con la grande mostra dedicata alla Vicenza del Rinascimento che aprirà a dicembre – Intervistati SIMONA SIOTTO (Assessore alla cultura comune di Vicenza) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(Egn_jFq-niI)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria