24/09/2021 VICENZA – Manca poco, ormai, all’open day di Palazzo Thiene: domani è il grande giorno. E proprio oggi arriva una notizia importantissima: le opere di Nereo Quagliato torneranno a Palazzo Thiene grazie ad un mecenate amico dell’artista. || C’era una volta. Ci sono storie che meritano di essere raccontate. Storie di uomini, di arte, storie di amicizia, storie di vita. Attorno a Palazzo Thiene viene scritta l’ultima pagina di una vicenda che ha unito due spiriti diversi, eppure vicini: Nereo faceva la leva militare in un plotone alpino guidato da Armando: si conobbero un giorno lontano del 1962. Poi più niente, fino al 1991, quando Peressoni, un commerciante abile e sagace, incontrò il grande maestro vicentino della scultura, Quagliato. E si riconobbero: Armando l’uno, Nereo l’altro. Un’amicizia destinata a durare tutta la vita. Quella storia fu il destino a scriverla, o forse la Provvidenza, perchè si compisse ciò che avviene oggi: è Armando Peressoni a realizzare il sogno di Nereo Quagliato; è lui ad aver acquistato la collezione di opere che l’artista anni fa aveva donato a Palazzo Thiene, scrigno architettonico, allora sede storica di BpVi. Purtroppo anche le opere di Quagliato sono state travolte dal crack della Banca, e avrebbero potuto finire disperse, vendute ai quattro venti. Per fortuna questa è una storia col lieto fine: è stato Armando Peressoni ad aggiudicarsele. Avrebbe potuto tenerle per sè. E invece ha deciso di donarle a Vicenza.Nel 2022, a dieci anni dalla morte di Quagliato, Peressoni desidera ricordare l’artista con una mostra nella Basilica Palladiana. Poi la collezione, finalmente completa, troverà casa a Palazzo Thiene. Nereo Quagliato avrebbe voluto che le sue opere fossero esposte e visibili per i vicentini. Oggi il suo desiderio è realizzato. – Intervistati ARMANDO PERESSONI (Proprietario Raccolta Sculture di Nereo Quagliato) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(BEHfEr83lBQ)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria