RETE VENETA | Medianordest

CAMPODARSEGO | E’ MORTA L’UNDICENNE TRAVOLTA IN BICI VICINO A CASA

13/10/2021 CAMPODARSEGO – Non ce l’ha fatta Emanuela Brahia la ragazzina di appena undici anni investita lunedì sera da un furgone mentre attraversava la strada a Reschigliano di Campodarsego. Attorno alla sua famiglia si stringe tutta la comunità. Il sindaco annuncia: «Per i funerali, pensiamo al lutto cittadino». || Ci hanno creduto fino alla fine: la famiglia di Emanuela, i suoi fratelli, i suoi amici e compagni di classe. Hanno pregato per lei, hanno continuato a sperare. Il suo splendido sorriso di undicenne si è spento all’ospedale di Padova, nel reparto di terapia intensiva pediatrica dove era arrivata lunedì sera dopo che un furgone l’aveva investita in Via Pontarola a Reschigliano di Campodarsego. Erano circa le 19. Emanuela stava tornando a casa dal parchetto in bici. Ha attraversato la strada all’incrocio con Via Papa Luciani quando il furgone è arrivato. Alla guida un 36enne di Padova che a tutti ha continuato a ripetere di non averla vista. Le condizioni della ragazza da subito sono sembrate gravissime, attorno a lei e alla sua famiglia si è stretta una comunità che oggi, insieme, la piange. Una notizia volata in un batter d’occhio nel paese, passata di cellulare in cellulare tra gli amici di Emanuela che non riescono a farsene una ragione. E pensare che oggi doveva essere una giornata speciale, il primo giorno del corso di nuoto organizzato per i ragazzi di prima media dal comune e dalla scuola. Una strada dove molti corrono, ci confidano i residenti. Intanto la comunità sta già pensando a come cercare di essere vicina alla famiglia. Nel giorno del funerale potrebbe essere proclamato il lutto cittadino. – Intervistati VALTER GALLO (Sindaco di Campodarsego) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(t1dFeY1r4IQ)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria

Exit mobile version