16/10/2021 BASSANO DEL GRAPPA – Nel centenario del milite ignoto torna protagonista il tempio ossario di Bassano, grazie a una battaglia di civiltà e memoria portata avanti da Rete Veneta e da chi si è unito alla nostra emittente per far riaprire il monumento || Il Veneto e Bassano hanno un legame fortissimo con la storia drammatica e gloriosa del milite ignoto, dai campi di battaglia del Pasubio, dell’Altopiano e del Grappa fino alla caserma Cimberle Ferrari, dove vennero custodite e onorate le salme recuperate dalle pietraie e dai cimiteri di guerra delle montagne vicine. Ma Bassano è anche custode di molti militi noti: oltre 5 mila caduti della prima guerra mondiale riposano nel tempio ossario, chiuso per molto tempo e riaperto di recente grazie a tante voci che si sono unite a quella di Rete Veneta in una battaglia per la memoria – Intervistati NINO BALESTRA (Pres. On. Comitato “Nel nome del Grappa”) (Servizio di Ferdinando Garavello)


videoid(9dwTJLZY-Wo)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria