VICENZA – Il destino di Palazzo Thiene. Anche oggi torniamo su questa battaglia che Rete Veneta sta portando avanti da anni con i cittadini di Vicenza. || Salviamo Palazzo Thiene: anche oggi, come abbiamo fatto per primi, sin dall’8 luglio 2017, noi di Rete Veneta rilanciamo la nostra battaglia al fianco dei cittadini: quella per salvaguardare l’antica sede di BpVi, un palazzo “Patrimonio dell’Unesco” con le preziosissime opere d’arte al suo interno, che appartengono all’identità, alla storia della città e farne un museo statale aperto al pubblico. Oggi il palazzo, finito nell’iter fallimentare insieme ad un altro centinaio di edifici, è stato acquistato da Bain Capital Credit che adesso potrebbe rivenderlo. Intanto sarebbero adanti all’asta a Firenze, dipinti, stampe, tappeti ed un lampadario di Murano ottocentesco che illuminava il salone palladiano di Palazzo Thiene. Per questo chiediamo al Sindaco, Francesco Rucco, di attivarsi urgentemente per capire cosa stia succedendo. Ed il primo cittadino ci spiega: «abbiamo sollecitato il Governo perchè eserciti il diritto di prelazione e acquisti l’antica sede di BpVi: per questo servono circa tre milioni di euro, che per il Governo sono cifre assolutamente abbordabili. Io, come Sindaco, mi faccio portavoce di questa istanza: ho già parlato con il capo di gabinetto del ministro Franceschini che si era impegnato a sollevare la questione all’interno del Governo e decidere in ordine all’investimento. Adesso torneremo a bussare alla porta». – Intervistati FRANCESCO RUCCO (Sindaco di Vicenza) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(VbKcwd5ywoA)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria