17/11/2021 VICENZA – La pandemia non è finita, ma si convive col virus. E i Carabinieri riprendono gli incontri con studenti, anziani e cittadini. || I Carabinieri, con la gente, per la gente. La pandemia non ha fermato il lavoro capillare e quotidiano dei militari. Dopo il tunnel buio dei lockdown, dopo l’interruzione delle relazioni, coi rapporti relegati alle videoconferenze e alla didattica a distanza, si apre una nuova fase dell’epidemia: quella della convivenza col virus. Non cadono le precauzioni ma, nel rispetto delle regole di sicurezza sanitaria, anche nel vicentino la comunità riallaccia rapporti veri, meno virtuali, più reali. E così i Carabinieri tornano ad incontrare gli anziani, gli studenti, i cittadini.E proprio per alimentare la cultura della legalità, per insegnare ai giovani l’importanza, in una democrazia, del rispetto delle regole e per assistere le fasce più deboli della popolazione, il Comandante provinciale dei Carabinieri di Vicenza ha dato indicazione ai suoi referenti sul territorio perchè si riprendano i contatti coi sindaci, con le istituzioni, con le scuole. Una delle attività più importanti è quella della prevenzione dei reati, in particolare quelli più odiosi che colpiscono gli anziani. – Intervistati Colonnello NICOLA BIANCHI (Comandante Provinciale Carabinieri di Vicenza) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(ZANAQiASWfo)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria