28/11/2021 VICENZA – La lotta contro il degrado, per essere davvero efficace, necessita di un patto pubblico-privato. Un primo esempio di collaborazione tra Comune e cittadini è partito con successo. || Il park Cricoli è stato “adottato” da un comitato di residenti, che domenica scorsa ha voluto potenziare il verde ospitato nelle aiuole con la piantumazione di una settantina di nuove piante. Per Vicenza si è trattato del primo esperimento di Patto Collaborativo stipulato tra amministrazione comunale e privati cittadini. Un successo per un nuovo strumento legislativo varato da poco. Prendersi cura del verde pubblico non è più una faccenda che riguarda solo le istituzioni preposte. Il desiderio di di farsi carico di una parte di città anche da parte dei singoli residenti è un modo diretto di assumersi responsabilità nella salvaguardia ambientale. Un tema a cui, sempre di più, tutti siamo chiamati a rispondere. I patti collaborativi possono rappresentare davvero una possibilità in più per combattere il degrado senza l’alibi di delegare. Anziché agire nell’illegalità e nell’anonimatodei “Guerrilla Gardening” ora è disponibile un nuovo iter burocratico molto semplice. – Intervistati SIMONA SIOTTO (ASSESSORE ALL’AMBIENTE – COMUNE DI VICENZA) (Servizio di Daniele Garbin)


videoid(m9xF4rZRVSE)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria