09/12/2021 TORRI DI QUARTESOLO – Abbiamo sentito le richieste dei cittadini e delle attività produttive messe in ginocchio dall’alluvione di un anno fa. In tempo reale portiamo la loro voce al Sindaco di Torri di Quartesolo. || Una fiaccolata, perchè l’alluvione di un anno fa brucia ancora. Perchè le immagini di quell’inferno d’acqua fanno ancora male. Perchè bisogna tenere accesa la speranza, perchè è giusto non dimenticare: c’è bisogno di risposte. Risposte coi fatti. Risposte concrete. Innanzitutto ai danni subiti da 150 famiglie travolte con le loro case, con le loro attività produttive, dall’inondazione della Roggia Caveggiara del 6 dicembre scorso. Oggi noi di Rete Veneta portiamo la voce dei cittadini al Sindaco di Torri di Quartesolo, che assicura l’arrivo di una prima tranche di risarcimenti: a fronte di un totale di 2.660.000 euro di richieste, oggi vengono liquidati 982.300 euro, pari al 37% del totale. A cui bisogna aggiungere 545mila euro per il patrimonio pubblico e 100mila euro per interventi urgenti già anticipati dal Comune, e che vengono restituiti, per un totale della prima tranche di 1.627.000 euro. Ma questi cittadini chiedono anche garanzie che quel che è stato non si ripeta: per rispondere il Sindaco si siede al computer del suo ufficio e spiega a tutti come fare per ricevere un alert in caso di pericolo.Benissimo. I cittadini, però, chiedono anche l’attivazione di numeri di emergenza: quello della Protezione Civile non basta.Il Comune assicura che entro dicembre arriverà in ogni casa anche un vademecum per spiegare ai cittadini come comportarsi in caso di emergenza. I sacchi di sabbia, poi, saranno distribuiti anche ad ovest oltre che ad est del paese. Bene, ma bisogna continuare. Per questo noi di Rete Veneta continueremo a monitorare la situazione e a portare la voce dei cittadini al Sindaco. – Intervistati DIEGO MARCHIORO (Sindaco di Torri di Quartesolo) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(2R5t16mDfB8)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria