28/12/2021 PADOVA – Record i di contagi in Veneto, mai cosi tanti da inizio pandemia. Tantri positivi anche per il numero alto di tamponi, è la spiegazione del Governatore Luca Zaia, che oggi ha ripetuto le proposte fatte al Governo. || Oltre 7400 nuovi positivi al Covid, mai così tanti, ma il numero di persone ricoverate in ospedale è un terzo di quelle del periodo peggiore della pandemia. In terapia intensiva ci sono 178 pazienti, ricorda il presidente del Veneto Luca Zaia, delle quali l’80% non sono vaccinati. E dietro questi numeri ecco la grande difficoltà del sistema sanitario a isolare i positivi, effettuare tamponi, risalire ai contatti. Ecco perchè la proposta di Zaia di rivedere le regole della quarantena trova molti alleati. Inoltre è necessario, sostiene Zaia, ridurre il numero di tamponi. Anche questa proposta è stata discussa con il ministro Speranza, la risposta dovrebbe arrivare in breve tempo, mercoledì al massimo.Anticipare il booster a 4 mesi dalla seconda dose significa vaccinare due milioni di persone entro fine febbraio. La macchina organizzativa del Veneto è pronta. E tornando ai tamponi, di questo passo non è detto che se ne trovino a sufficienza in commercio.Queste in sintesi le proposte di Zaia: mettere in quarantena i positivi, eliminare la quarantena per i vaccinati partendo da chi ha la terza dose, e quando c’è contatto stretto senza sintomi quarantena, forse accorciata, senza fare il tampone iniziale. – Intervistati LUCA ZAIA (Presidente Regione Veneto) (Servizio di Federico Fusetti)


videoid(yk6jtwU_P-Y)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria