12/01/2022 CASTELGOMBERTO – A Castelgomberto, in una strada paesaggistica, vengono ritrovati 100 chili di carcasse di maiale: non è la prima volta. Adesso è caccia ai responsabili. || Castelgomberto. Un panorama inquietante, desolante. Siamo sul parapetto, in Via Castellare. E giù, sotto, tra i rovi, carcasse. Carcasse di maiale abbandonate. E’ una famiglia a ritrovarle: un brutto spettacolo per padre, madre ed il loro bambino, che stanno facendo una passeggiata in collina, per godersi il paesaggio circostante. Purtroppo è proprio il bimbo ad accorgersi dello strano e inquietante abbandono in una delle zone più belle del paese.Dopo la segnalazione è Gastone Fanni, assessore al terrritorio di Castelgomberto, uno dei primi ad arrivare sul posto assieme a due volontari. Oltre a impegnarsi nel recupero parziale delle carcasse, allerta la Polizia Locale Valle Agno, oltre ad Agno Chiampo Ambiente, la società a capitale pubblico che si occupa del Ciclo integrato dei Rifiuti nell’Ovest Vicentino, e che si attiva per recuperare tutte le carcasse e smaltirle: nel complesso cento chili tra interiora, grasso e frattaglie. Ora scatta la caccia ai responsabili: un atto di inciviltà in un luogo paesaggistico, frequentato dalle famiglie, che non meritano di trovarsi di fronte a questi brutti spettacoli. Un abbandono che poteva creare anche un danno sanitario, esattamente nello stesso luogo dove un anno fa erano state scaricate 20 carcasse di capretto. Dagli elementi raccolti potrebbe trattarsi di un allevatore che dopo la macellazione degli animali ha pensato di evitare le spese di smaltimento, che adesso andranno a carico della comunità. – Intervistati GASTONE FANNI (Assessore al Territorio di Castelgomberto) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(fLmp2SVpcF8)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria