13/01/2022 BASSANO DEL GRAPPA – Il territorio si mobilita per salvare la senologia del San Bassiano e ora anche il sindaco di Bassano, Elena Pavan, incalza il dg Carlo Bramezza || Il territorio si mobilita per salvare la senologia del San Bassiano, soppressa virtualmente l’ultimo giorno dell’anno dal dg Carlo Bramezza: la voce che si leva è quella di Elena Pavan, sindaco di Bassano, che in un’intervista rilasciata al Giornale di Vicenza prende posizione su quanto sta accadendo nell’ospedale cittadino. Il sindaco di Bassano dice di non poter rimanere inerte di fronte alle notizie sulla senologia e annuncia l’imminente richiesta di un incontro di chiarimento con il dg Carlo Bramezza. Elena Pavan parla chiaramente di una decisione difficilmente spiegabile che va capita e avverte che se sarà necessario verrà investito il consiglio regionale su questa vicenda. Lo stesso consiglio regionale che, per mano della quinta commissione, ha varato poco più di due anni fa le schede sanitarie che sono state virtualmente stracciate dai vertici dell’azienda sanitaria con la decisione di tagliare la senologia del San Bassiano con un semplice segno di penna da parte del direttore generale. La presa di posizione di Elena Pavan dà ancora più forza e risalto a quella del consigliere regionale Nicola Finco, che ha prodotto un’interrogazione e una mozione per chiedere alla giunta regionale prima di tutto spiegazioni sulla soppressione di senologia e poi il sostegno del governo veneto per il mantenimento della struttura. Voci forti e chiare, che non si possono certo definire di dissenso politico rispetto a chi ha in mano le sorti del Veneto, ma che trovano sponda e consenso trasversale nella politica locale. E ora sono in molti ad aspettare le voci di altri sindaci della Pedemontana per dimostrare ancora una volta che il territorio unito può giungere dove la singola bandiera di partito e la singola fascia tricolore non possono certo arrivare. (Servizio di Ferdinando Garavello)


videoid(jtN9FgSW1BI)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria