13/01/2022 VENEZIA – Covid. Il Veneto resta in fascia gialla: il Governatore Luca Zaia è convinto che la zona arancione si possa evitare. E intanto il Veneto lancia una proposta: che gli asintomatici vengano tolti dal conteggio dei positivi. || Caccia ai positivi: nella guerra al Covid la prevenzione è la prima arma. Fondamentale il tempismo nell’individuare i contagiati, l’efficacia nel tracciare i contatti. Su questo fronte il Veneto, con 150mila tamponi in 24ore, è una delle regioni più efficienti in Italia. Ed i risultati sono incoraggianti, in discesa da due giorni, con un tasso di positività all’11,71%.Un panorama rassicurante, in cui il Veneto resiste in giallo. In Veneto le terapie intensive sono occupate al 20%: un livello da fascia arancione, se non fosse che i ricoveri ordinari sono sotto il limite previsto di 5 punti percentuali. Insomma, siamo lì lì, sul confine con la zona arancione, ma quel passo in più che serve per finirci dentro può essere evitato con comportamenti prudenti, il rispetto delle distanze e l’uso dei dispositivi di sicurezza sanitaria, come le mascherine FFp2. E questo anche per arginare la variante Omicron, che oggi rappresenta il 65,9% dei casi.Intanto si punta a fluidificare le procedure. Da lunedì entra in vigore il nuovo protocollo, che in Veneto prevede che il tampone di fine quarantena si possa fare anche in farmacia. E sempre nell’ottica di rivedere il sistema, il Centro Europeo per la prevenzione ed il Controllo delle Malattie ha stabilito che per definire un caso di covid è necessario che sussistano contemporaneamente due parametri : il tampone positivo, molecolare o rapido, e, in più la malattia respiratoria o, almeno, sintomi simili all’influenza. Ebbene, oggi il Veneto chiede un allineamento a questo orientamento, anche perchè ora meno della metà dei positivi accusa dei sintomi. Una nuova contabilità dei casi rivoluzionerebbe il computo dei dati, andrebbe ritarato il piano di sanità pubblica, e ci sarebbero delle ripercussioni anche sui numeri che decretano la fascia di rischio della regione. – Intervistati LUCA ZAIA (Presidente Regione Veneto) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(139UFblJ0qA)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria