BASSANO DEL GRAPPA – Aprirà fra pochi giorni il punto prelievi del quartiere bassanese di San Vito. Una battaglia di Rete Veneta, l’ennesima che arriva a compimento per migliorare la sanità del territorio || Finalmente ci siamo! Aprirà entro brevissimo tempo il punto prelievi nel quartiere di San Vito di Bassano del Grappa. Una novità attesa da anni dal popoloso quartiere e un progetto partito grazie a Stefania Pontarollo, che aveva raccolto le istanze dei residenti. Noi di Rete Veneta ci siamo impegnati fin dal principio perché questa esigenza diventasse una realtà e ora siamo orgogliosi di aver fatto la nostra parte, aiutando a formare una consapevolezza nell’opinione pubblica e a far capire al governo cittadino l’importanza di questo progetto. Ha fatto la sua parte anche l’assessore al sociale Mavi Zanata, che ha sposato la causa ed è riuscita a far superare al progetto i pantani del cambio fra la giunta Poletto e quella di Elena Pavan. Ha fatto la sua parte il vicepresidente del consiglio veneto Nicola Finco. E ora fa la sua parte anche il presidente del quartiere San Vito, Enzo Calmonte, che ha dato la notizia dell’apertura del punto prelievi nell’ultimo numero del giornalino di quartiere. Senza nominare neppure in una riga Rete Veneta, ma su questo non ci formalizziamo perché i bassanesi sanno bene quanto ci siamo spesi per il punto prelievi. Fa piacere invece constatare che Calmonte, il quale non aveva perso nessuna occasione per far polemica sui social su questo argomento e il cui immobilismo sul progetto è stato stigmatizzato anche dall’ex sindaco Riccardo Poletto, sia stato folgorato sulla via di Damasco. Pardon, di San Vito prendendosi qualche merito di troppo visto il suo coinvolgimento in questo travagliato iter. Quel che importa è che i cittadini possano avere fra pochi giorni un servizio tanto atteso e tanto importante, a maggior ragione in questo periodo così complicato per la sanità. Rete Veneta si batterà sempre e comunque per loro, per voi telespettatori, per la città e per il territorio. Lo faremo assieme a chi vorrà condividere le nostre battaglie. E del Calmonte di turno ci cureremo quel che basta e per quel che vale. (Servizio di Ferdinando Garavello)


videoid(S96EWYTlotA)finevideoid-categoria(bassanotg)finecategoria