ARZIGNANO – Tampioni senza prenotazione ed è subito coda. Ad Arzignano la segnalazione di un telespettatore. Tre mila quelli effettuati sono nella giornata di oggi tra la Fiera di Vicenza e la palestra del comune dell’ovest vicentino || Tutti in coda per il tampone. Con lunedì l’obbligo di prenotazione per effettuare il tampone antigenico non è più necessaria e la gente, impegnativa alla mano, ad Arzignano si è messa in fila di buonora al punto tamponi messo a disposizione dell’Ulss, dall’amministrazione comunale, alla palestra della scuola Da Vinci. L’effetto è stato quello che ci segnala con questa foto un nostro telespettatore. Una lunga coda di persone in attesa e, come ci ha scritto nella didascalia della foto, c’era chi, mascherina abbassata, per ingannare l’attesa, incurante del covid, si fumava tranquillamente la sigaretta. Una situazione che ha allarmato il primo cittadino, Alessia Bevilacqua anche lei in coda per effettuare il tampone. La sindaca ha chiamato la polizia municipale che è arrivata in supporto. Anche in fiera a Vicenza, maxi punto tamponi dell’Uls 8, non sono mancate in mattinata le code e per tutte il giorno è stato un via vai di persone. Due le vie individuate, una per chi comunque si era prenotato, per le scuole e un ‘altra per chi arrivava senza la prenotazione. I volontari della protezione civile hanno, diciamo così “diretto il traffico” riuscendo a far defluire le code. Tre mila i tamponi complessivi effettuati tra Fiera di Vicenza e palestra ad Arzignano nella sola giornata di luendì. L’Ulss 8 confida comunque che i flussi si normalizzino nel comune dell’ovest vicentino grazie ad una ripartizione delle attività su tutta la giornata. Ai medici di Famiglia l’invito a suggerire ai propri assistiti gli orari più idonei per ridurre le attese. (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(5_4kaVhOS3E)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria