NOVENTA VICENTINA – Incontro tra 14 sindaci del basso vicentino e la direzione dell’ Ulss 8. Sul tavolo la questione ospedale Pietro Milani. || Covid esiste un caso Noventa Vicentina? La curva pandemica sul territorio si sta abbassando ma molto lentamente. Nel frattempo i casi positivi sono ancora troppi e le strutture sanitarie compreso l’Ospedale Pietro Milani di Noventa sono in affanno: tra casi covid ricoverati seppur non gravi e personale risultato positivo. E’ così che i 14 sindaci del basso vicentino da Pojana maggiore ad Castegnero, da Val Liona e ad Asigliano, capofila Noventa, in maniera be partisan hanno chiesto chiarezza, in un incontro alla direzione dell’Ulss 8 presenti anche consiglieri regionali. «Una prima risposta è stata data in tema di punto tamponi – spiega Mattia Veronese il sindaco di Noventa Vicentina – con la collocazione in uno spazio più adeguato». Restano però altri nodi come le condizioni lavorative del personale medico, sanitario e Oss, informazioni sulla futura organizzazione della campagna vaccinale. Ospedale il Pietro Milani di Noventa che ha sospeso l’attività del reparto di “ospedale di comunità mettendo a disposizione 24 posti letto oggi aumentati a 40. Un impegno che ha visto interessato anche personale di altri reparti. Un “caso Noventa” non esisterebbe ma i sindaci sono preoccupati per lo stress al quale sono sottoposte le strutture e il personale. A rispondere dovrà essere la direzione, i sindaci rimangono al fianco di tutto il personale – Intervistati MATTIA VERONESE (Sindaco di Noventa Vicentina) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(3ExuMaifTkQ)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria