VICENZA – Domenica 27 scatta il V-Day. Il giorno della vaccinazione Covid. L’Ulss 8 Berica sta affinando la macchina. Si parte con i sanitari dei reparti più a rischio || Domenica 27 dicembre è il V-Day della vaccinazione anticovid. Dopo il via libera dell’Ema al vaccino Pfaizer in Europa, sono in arrivo anche all’ Ulss 8 il vaccino, le siringhe speciali mentre in giornata è arrivato il frigorifero per conservare il vaccino a bassissime temperature. Vaccinazione che in questa prima fase riguarderà, lo ricordiamo, il personale medico sanitario compreso quello nelle case di riposo ed amministrativo, per l’azienda sanitaria Berica si tratta di 6 mila dipendenti. «L’organizzazione – Giovanni Pavesi Direttore generale dell’Ulss 8 Berica- prevede si parta dai reparti che sono maggiormente a contatto con i malati Covid come le terapie intensive, pneumologia, pronto soccorso» Intanto in queste ore l’intera struttura dell’Ulss è al lavoro per organizzare modalità e giorni in cui effettuare la vaccinazione «quando saremo a regime – continua Pavesi – apriremo più punti vaccino, l’obiettivo è di vaccinare tutti nel giro di un paio di settimane»Si lavora a livello informatico affinché chi fa il primo vaccino abbia già la prenotazione fissata per il richiamo. Se la questione carenza personale medico per il vaccino non è in discussione, si sta lavorando sulla creazioni di team gestiti a loro volta da un medico, rimane invece aperta quella di chi non vorrà vaccinarsi anche nell’ambito sanitario e su questo punto l’Ulss 8 ha deciso di concentrarsi, più che sul consenso informato, su quello che può essere un dissenso motivato che resta nella libertà di ognuno di noi. – Intervistati GIOVANNI PAVESI (Direttore generale Ulss 8) (Servizio di Gabriella Basso)


videoid(-jJOzzI_ys8)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria