VICENZA – Vaccino e volontarietà. Il sindacato degli infermieri, il Nursind Vicentino, ne difende la volontarietà in questa prima fase, sottolineandop come sia necessario l”esempio dato dagli infermieri per far adererire alla vaccinazione il resto della popolazione || In prima linea da subito, chi li ha definiti eroi, chi angeli della corsia, gli infermieri, rappresentati dal Nursind vicentino, oggi sono nuovamente pronti a dare l’esempio che in questa nuova fase dell’emergenza covid si chiama “vaccinazione”. Il Segretario provinciale Andrea Gregori, sostiene sia necessario l’esempio da parte del personale infermieristico e ha fiducia che i cittadini lo seguiranno. Ripercorre l’annus horribilis, da quel 21 febbaio , in cui la vita lavorativa e familiare degli infermieri è stata rivoluzionata. Coraggio e abnegazione sottolineati da Gregori, che specifica come la professione sia rappresentata principalmente da donne, spesso con famiglia e figli, che in questa emergenza sanitaria hanno sacrificato molto per svolgere al meglio il loro lavoro, “gettando il cuore oltre l’ostacolo”. “L’auspicio – conclude – è che il vaccino possa essere la soluzione per sconfiggere la pandemia a salvaguardia della salute di tutti” e difende la volontarietà, sperando che prevalga l’adesione – Intervistati ANDREA GREGORI (Segretario provinciale Nursind) (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(mzIeUOtf-Mk)finevideoid-categoria(vicenzatg)finecategoria